COPPA ITALIA SERIE D: QUARTI DI FINALE

ASD Pallavolo Legnago

21 giu 2021

ASD PALLAVOLO LEGNAGO - ASTRA VOLLEY 3-1 (25-21 25-21 18-25 25-19)

Dopo essersi qualificata come testa di serie numero 1 vincendo il proprio girone e risultando la miglior prima classificata nella classifica avulsa dei due gironi, la Pallavolo Legnago targata Pluvitec incontra a sorpresa l'Astra Volley giunta quarta nell'altro girone. Diciamo a sorpresa perché la formazione padovana era settima e non ottava nella classifica avulsa, inoltre si è dimostrata una formazione di assoluta qualità ed esperienza che con ogni probabilità avrebbe meritato una posizione più alta in classifica nel proprio girone, oltre ad un posto in semifinale. Ma il campo come sempre è l'insindacabile giudice ultimo e ancora una volta, la sesta su sei in questa mini stagione, ha dato ragione ai ragazzi veronesi. Veniamo alla gara. La Pluvitec Legnago scende in campo con l'ormai collaudato sestetto iniziale da alcune giornate, con la diagonale palleggiatore-opposto Vicentini-Cristofoli, Segala e Bissoli ad alternarsi in posto 4, De Veis e Botez al centro, libero Fontana. In panchina a disposizione Bernardinello, Bissoli, De Pietri, Lanzarotto, Vicentini, Zampa (L). Appollaiato ingessato sugli spalti il malconcio Murari. Primo quarto del set in fase di studio, si alternano belle cose ed errori da una parte e dall'altra (8-7), poi Legnago inizia a spingere di più e iniziando ad impensierire la retroguardia avversaria al servizio costringe Astra Volley a forzare i colpi di attacco, che finiscono out (16-10). Inizia una prima girandola di cambi in casa Astra per cercare di ribaltare le sorti del set, ma Legnago riesce a gestire il vantaggio e limitare il ritorno di fiamma degli avversari (21-18), trovando la definitiva tranquillità coi servizi bomba di Segala che chiudono la contesa sul 25-21. Il canovaccio del secondo set non cambia, sestetto confermato e avvio a rilento e pieno di errori soprattutto al servizio (4 consecutivi da parte nostra) e formazioni che rimangono appaiate (8-6), poi nuovo strappo Pluvitec che sul turno al servizio salto flottante di Botez trova la chiave per scavare il solco. Legnago inizia a divertirsi con una bellissima pipe di Bissoli e con gli attacchi bomba di Segala che frantuma il muro avversario (16-10). Cristofoli inizia ad accusare i primi acciacchi dovuti agli effetti del vaccino, sostituito temporaneamente da Bernardinello nel turno di servizio e in seconda linea. Altra girandola di cambi da parte dei padovani per provare a rimettere in discussione il set, ma ancora una volta brava Legnago a gestire il vantaggio (21-17). Spazio anche per De Pietri in un turno al servizio e Legnago che accompagna la chiusura del set su un attacco errato da parte di Astra Volley (25-21 bis). Terzo set con formazione immutata, Legnago regala altri 4 servizi consecutivi alla formazione padovana ma a parte questo sembra poter prendere il sopravvento e chiudere agevolmente (8-4). Purtroppo è solo una mera illusione, perché in un attimo si materializza quella che da 5 partite ormai è la croce di questa squadra. Astra Volley si affida ai propri uomini migliori (3 elementi che componevano una squadra vincitrice di un campionato di Serie C 2 anni fa) e che ovviamente dà il tutto per tutto e complice un calo fisico e mentale da parte della Pluvitec prima ricucisce lo strappo, poi prende per la prima volta il sopravvento iniziando a diventare dominante al centro tra primi tempi e muro (15-16). Il turno al servizio insidioso del primo lato avversario spezza definitivamente l'inerzia del set: due ace diretti, due ricezioni pessime con altrettanti attacchi forzati danno ragione ai padovani (18-21) che non mollano più la presa e approfittano degli errori dei nostri. Il finale è senza storia e si chiude 18-25. Il copione che sembra già scritto vorrebbe una immediata reazione da parte di Legnago e una vittoria larga, ma non è così semplice: Cristofoli è costretto ad abbandonare la partita messo definitivamente ko dal vaccino e Mr Vicentini deve pertanto apportare modifiche alla formazione. Segala passa ad opposto e prende posto in campo in 4 il giovane Bernardinello. L'avvio di set è una guerra punto a punto, con scambi bellissimi e prolungati dove si apprezza tanta qualità e tecnica da ambo le parti (8-6). La battaglia prosegue serrata con continui mini break e contro break a ritmo altissimo, il muro legnaghese si fa più invadente tra centro e posto 2 ma anche Astra Volley risponde bene (16-15) tanto che inizia anche ad aleggiare lo spettro di un possibile pericoloso tie break. I padovani spingono di più al servizio, ma Fontana, Bissoli e Bernardinello riescono a tenere. A questo punto è il solito Segala a salire in cattedra, iniziando a tirare asteroidi come non ci fosse un domani e sfondando il muro avversario (21-18). Astra inizia a vacillare, gli ultimi schiaffi che sanciscono la resa arrivano da posto 4. Entra anche al servizio Pippo Bissoli ed infine cala il sipario (25-19) dopo due ore di gioco e di bella pallavolo. Che dire, un plauso agli avversari che per nulla hanno fatto pensare ad una gara squilibrata sulla carta (prima vs quarta). Ma un plauso ancora più grande va a Legnago, che porta a 6 le vittorie su 6 partite e che nel computo di questa stagione strana è ancora imbattuta. Purtroppo la maledizione del terzo set si ripete: escluso il 3-0 all'esordio contro NBV Verona, gli altri 5 sono stati persi tutti (1-3 Hellas 2000, 2-3 Eagles, 3-1 Sefamo, 1-3 Campiglia più quello di sabato). Se negli altri casi non aveva significato quasi nulla dato comunque il successo finale, stavolta costa caro: nonostante il primo posto come testa di serie in graduatoria nella classifica avulsa dei gironi, Pluvitec perde il diritto a disputare in casa la semifinale che la vedrà opposta alla Sefamo Dueville, quinta in graduatoria e già battuta in girone venti giorni fa per 3-1, dal momento che non è risultata come miglior vincitrice dei quarti di finale (si sono registrate tutte vittorie per 3-0 esclusa la nostra). Una regola che ci lascia l'amaro in bocca ma che non frena la fame dei nostri ragazzi. Anzi, c'è da scommettere che se prima la determinazione era tanta, ora invece sarà massima. D'altra parte se si vuole arrivare in alto bisogna dimostrare di meritarlo indipendentemente dalle circostanze e da chi si ha di fronte. Sarà una bellissima sfida contro un'altra formazione di qualità, desiderosa di rivincita dopo la gara di campionato. Le semifinali dunque saranno Sefamo Dueville-Pluvitec Legnago e Aduna Volley-Vergati Eagles. Appuntamento a Povolaro Dueville per sabato 26 giugno.
AVANTI LEGNAGO!